Immatricolazione di un veicolo usato acquistato in Polonia

Immatricolazione di un veicolo usato acquistato in Polonia

  1. Scarica, stampa e compila il modulo di domanda e il consenso (i moduli di domanda sono disponibili anche presso gli uffici provinciali).
  2. Allegare i documenti giustificativi richiesti (originali).
  3. Ricordati di portare con te la tua carta d’identità.
  4. Vai al tuo ufficio provinciale e invia la tua domanda, compresi gli eventuali allegati, e paga le tasse necessarie.
  5. Se risiedi a Varsavia, puoi prenotare la tua visita presso l’Ufficio utilizzando il sistema di prenotazione di Varsavia (fare clic su rezerwacje.um.warszawa.pl).
  6. Se il veicolo è in comproprietà, avrai bisogno di lettere di consenso, o procure, di tutti i comproprietari (modello di autorizzazione ).
  7. Dovrai confermare la tua residenza con la prova della residenza temporanea o permanente registrata. Altri modi per confermare la tua residenza potrebbero essere consentiti per le tue circostanze individuali e saranno presi in considerazione durante la presentazione della domanda.
  8. Ti verrà emessa una decisione sull’immatricolazione temporanea del veicolo, insieme a un permesso temporaneo valido per un periodo fino a 30 giorni, targhe e un adesivo della patente, ove applicabile.
  9. Aggiorna l’assicurazione di responsabilità civile del tuo veicolo.
  10. Raccogli la tua decisione sull’immatricolazione del veicolo, insieme alla carta di circolazione, prima della scadenza del permesso temporaneo. È possibile ottenere informazioni sulla disponibilità del certificato di registrazione presso un ufficio appropriato o su www.pojazd.pwpw.pl . Al ritiro del certificato di iscrizione, restituisci il permesso temporaneo e presenta una polizza assicurativa di responsabilità civile valida.

I documenti richiesti

  1. La domanda del proprietario del veicolo per immatricolare un veicolo.
  2. Consenso al trattamento dei dati personali.
  3. Prova della proprietà del veicolo (la prova della proprietà del veicolo può includere uno dei seguenti documenti: una fattura IVA che conferma l’acquisto del veicolo, un contratto di vendita, un contratto di scambio di proprietà, un contratto di regalo, un contratto di rendita, una sentenza definitiva e vincolante del tribunale sui diritti di proprietà), contratto di trasferimento, ad esempio un contratto di trasferimento bancario, contratto di trasferimento originale con una dichiarazione di trasferimento di proprietà e una dichiarazione di rimborso totale del debito).
  4. Carta di circolazione del veicolo con revisione tecnica aggiornata .
  5. Registro del veicolo (se ne è stato rilasciato uno).
  6. Targhe di immatricolazione.
  7. Un documento che conferma una procura, se nel caso è stato nominato un procuratore ( modello di procura ).

Se il proprietario del veicolo è una persona fisica , è necessario un documento di identità, ovvero una carta d’identità o altro documento con fotografia attestante l’identità (disponibile per la revisione). Se una persona giuridica è il proprietario del veicolo, è necessario un estratto aggiornato del Registro Giudiziario Nazionale (KRS).

Solo le persone autorizzate a rappresentare la persona giuridica possono occuparsi delle questioni relative all’immatricolazione dei veicoli.

Se i proprietari dei veicoli sono stranieri che soggiornano nella Repubblica di Polonia, società o centri culturali stranieri , fondazioni o corrispondenti di stampa, devono presentare:

  1. Un documento di identità dello straniero, un passaporto e uno dei seguenti documenti , insieme a un certificato attestante la residenza temporanea:
  2. Un visto Schengen o un visto nazionale
  3. Carta di soggiorno rilasciata in relazione alla concessione di un permesso di soggiorno temporaneo
  4. Un certificato di residenza rilasciato a un cittadino dell’UE
  5. Carta di soggiorno per familiari rilasciata a un cittadino dell’UE
  6. Un documento che conferma il diritto di soggiorno permanente di un cittadino dell’UE
  7. Carta di soggiorno permanente rilasciata a un familiare di un cittadino dell’UE
  8. Carta di soggiorno rilasciata in relazione alla concessione di un permesso di soggiorno permanente, carta di soggiorno UE di lungo periodo, concessione dello status di rifugiato, concessione di protezione sussidiaria o permesso di soggiorno tollerato
  9. Un certificato di iscrizione all’Albo degli Uffici di Rappresentanza delle Imprese Estere rilasciato dal Ministro dell’Economia, o un estratto corrente del Registro Giudiziario Nazionale per una succursale di impresa estera (disponibile per l’ispezione) per le società estere. Per centri culturali , fondazioni, corrispondenti stampa – contratti internazionali, certificati emessi da ambasciate, accrediti (disponibili per ispezione).

Commissioni

  1. Puoi effettuare pagamenti per questioni relative ai trasporti tramite bonifico bancario o in contanti direttamente alla cassa dell’ufficio distrettuale che è responsabile della gestione del tuo caso.
  2. Nel riferimento del pagamento, inserisci la marca del veicolo, il modello e il numero di targa e, se non è presente il numero di targa, fornisci il numero VIN del veicolo.
Tariffa di trasporto per l’emissione diAutoRimorchio / semirimorchio / trattore agricoloMotocicloCiclomotore
Targhe regolariPLN 80.00PLN 40.00PLN 40.00PLN 30.00
Targhe privatePLN 1000.00PLN 500.00
Certificato di registrazionePLN 54.00PLN 54.00PLN 54.00PLN 54.00
Permesso provvisorioPLN 13.50PLN 13.50PLN 13.50PLN 13.50
Adesivo della licenzaPLN 18.50
Adesivo di convalidaPLN 12.50PLN 12.50PLN 12.50PLN 12.50
Quota di iscrizionePLN 2.00PLN 1,50PLN 1,50PLN 1,50
TOTALE (per targhe regolari)PLN 180.50PLN 121.50PLN 121.50PLN 111,50
TOTALE (se si mantengono le targhe precedenti)PLN 81.00PLN 81.00PLN 81.00PLN 81.00
TOTALE (per targhe privatePLN 1100.50PLN 581.50
  • PLN 17.00 – imposta di bollo per il deposito di una procura.
  • Il bollo per una procura può essere pagata tramite bonifico bancario, vaglia postale o presso la cassa dell’ufficio provinciale.
  • L’imposta di bollo per il deposito di una procura non si applica alle procure conferite a coniugi, discendenti, ascendenti o fratelli.

Articoli simili